STRATEGIA POLITICA O POLITICA STATEGICA

19.10.2015 09:06

Oggi inizia la tre giorni della  “ mangia e bevi “ ….  Spotorno la tre giorni del clero che riassunto significa : per una buona parte dei partecipanti dormire , un’altra parte il solo mangiare e bere per poi raccontarsi i vecchi aneddoti su questo e quel canonico , sugli anni passati sui banchi del seminario , come in camerata tra i commilitoni . Spotorno è anche l’invito strategico dei diaconi per rimpolpare la fotografia finale , di fine “ corso “ da pubblicare sul giornale diocesano per far vedere una buona affluenza . Si pare ….. e dopo la recita del santo Rosario si dà inizio delle danze , la  fermata all’autogrill di Ovada , definita da monsignore “ la pausa idraulica “ ( battuta infelice e di bassa lega ). Poi finalmente giunti a destinazione , il rito dell’assegnazione delle camere , al clero meno importante le camere sul retro a nord  ,vista parete di roccia a quello ce conta la vista a sud , sull’isolotto di Bergeggi . Ogni anno viene invitato un relatore , nel 2012, l’anno in cui ho partecipato  ( l’unico )  il relatore era un sacerdote della periferia di Milano , che era rimasto colpito dalla cura maniacale per la liturgia …. la  “ location “ e il cibo , aveva confessato il suo disagio come prete ad abitare in quell’albergo e sedersi a quella mensa condannabile al girone infernale dantesco spettante ai golosi . Quest’anno è stato invitato , come relatore , un sacerdote che insegna nel seminario in cui sono formati i pochi seminaristi , se non erro parlerà della misericordia , ma in fondo l’argomento interessa poco , è stato invitato allo scopo di incominciare a tessere rapporti perché monsignore , nell’economia di un seminario interdiocesano vuole piazzare alcuni dei nostri insegnanti suoi protetti . Peccato che la nostra diocesi non ha elementi di spicco da potere “ piazzare “ raccomandare o meglio ha due  soli elemento di spicco ma cassati da monsignore, il primo ,un vecchio canonico che ha conseguito il dottorato a Roma , si è dedicato allo studio del clero locale , quello che valeva, quello che non c’è più , che è divenuto patrimonio della storia  ,  e su questo ha pubblicato libri e ora si gode la pensione continuando a dedicarsi allo studio e a pubblicare . L’altro elemento di spicco lo hanno invitato ad andarsene e lo ha acquistato la provincia ligure del Carmelo per fortuna la Chiesa non lo ha perso . Entrambe hanno un unico difetto pensano con la loro testa , non con quella dei mentecatti .

Restano qui le mezze cartucce , che hanno velleità di insegnare , malgrado un passato scolastico che definire vergognoso è fare un complimento , quelli che non possono trovare fuori opportunità perché per trovarle all’esterno bisogna valere .

Monsignore tra le altre cose che non conosce e sono tante ,non ha ancora capito che a scegliere il corpo docente sono solitamente i docenti stessi , il corpo insegnante del luogo , ma monsignore sa come imporsi , è il successore degli apostoli , è l’unica carta che può giocare , così immetterà incompetenti in un mondo di competenti , ma ciò per lui e per loro non ha importanza , l’ignoranza sta tutta lì , nel sentirsi ciò che non si è , nel presentarsi per come si vuole apparire, non per quello che veramente si è , per questa gente ciò che conta è l’immagine non la sostanza , come la classe politica .  Qui in diocesi atteggiano arrivati intellettuali , lo hanno già fatto anni fa , ricordate il mio racconto sull’eccellenza biellese che altro non era che l’indecenza biellese . E’ una mia deduzione , diranno , ma il nostro esperto di morale , scalpita , vuole entrare a pieno titolo per insegnare in un vero seminario , per adesso deve accontentarsi ad insegnare qui in diocesi , nel falso seminario, ai candidati al diaconato . “ L’esempio vien dall’alto “, come d’altra parte buona parte degli amici ed i raccomandati di monsignore e dei suoi gerarchetti insegnano o hanno insegnato nelle scuole cittadine senza averne titolo . Pensate che il rappresentante dell’unione cattolica italiana insegnanti medi da noi ,  leggo nell’annuario diocesano ,non ha  conseguito il diploma di scuola superiore e che ha per anni  insegnato religione nelle scuole medie ( eccellenza biellese !) . I senza titolo , i raccomandati da monsignore , tra un piagnisteo e l’altro attendono che paparino gli faccia un posto ,come docenti in seminario , non è questione di merito è questione di potere , di amicizie …… e poi questi facevano il pelo e contropelo al Cavaliere ( “ Il potere logora chi non ce l’ha “ Andreotti docet ) .  Riporre fiducia nell’uomo è inutile ,” il sonno della ragione genera mostri “ scriveva Goya e i mostri ci sono eccome , così come coloro che non ragionano , la speranza da riporre è in Dio , perché provveda per il meglio per la sua Chiesa , la sconfitta di oggi non è certamente la vittoria di domani . Oggi , sicuramente , abbiamo perso una battaglia e sono i personaggi di cui parlo a vincere , ma non hanno ancora vinto la guerra , quella no … e non la vinceranno mai … saranno sempre delle mezze cartucce e sapranno sempre di esserlo . Non è certo il belletto a cancellare la vecchiaia , questa sera a Spotorno dovrebbero , visionare il film di Billy Wilder con Gloria Swonson , e William Holden , Viale del Tramonto , lo scrivo perché alla sera , nel  “ bueno ritiro ligure “  , per chi lo desidera , è proposta la “ condivisione “ della proiezione di un film .