SONO UN BANDITO!

10.03.2016 08:13

Domani presso l’ex seminario diocesano si svolgerà l’assemblea annuale di una associazione volontaria che il clero sostiene economicamente per il rimborso delle spese ospedaliere . Non parteciperò perché io sono stato defenestrato dall’ex seminario , …. o come dicono la reginetta Nefertiti ed i pensionati di lusso … avvicendato , cioè non più gradito , dunque se non gradito non si partecipa , non si entra più nei luoghi da cui si è banditi …. perché sono un bandito ! Il clero volontariamente versa una quota assicurativa all’associazione , ma l’assicurazione è estesa anche ai membri di un CDA , in cui sono presenti anche laici , laici scelti , non laici qualsiasi . Ho chiesto al presidente ( un confratello ) attraverso ad una lettera , che sia messo a verbale , nell’odg dell’assemblea al punto varie ed eventuali, che il beneficio sia esteso ai famigliari del clero , penso ai genitori che vivono in parrocchia presso i figli sacerdoti , contribuendo ad un armonico sviluppo di ogni tipo di pastorale combinando vita famigliare e pastorale , perché essi sono esclusi da questa possibilità per far posto , avvantaggiare quei laici raccomandati che potrebbero pagarsi una assicurazione integrativa alternativa , non usufruendo di questa e permettendo che questo beneficio sia giustamente esteso e goduto da chi ne ha veramente diritto . Chiesi tempo fa , al presule se fosse possibile comprendere nel beneficio , i miei figli , sicuro che i famigliari più prossimi del clero fossero compresi …. non ci crederete cari amici di Chiesa Controcorrente , ma ha delegato la sua risposta ad una signora che lavora presso gli uffici diocesani ….. è lo speciale rapporto tra il presule ed un suo presbitero in quello che si può definire , per questi professionisti del sacro , puro amore di un padre verso il figlio …. la parabola del figliol prodigo attuata …. questo è il faraone , un governante , che si sente dio e invece di rispondere delega agli uffici , ai sottoposti , manager , mercenario ….. ma i suoi carri saranno travolti dal riflusso delle acque . Credo sia intelligente estendere ai famigliari più prossimi di un prete la possibilità di essere ben assicurato , al contrario questa facilitazione , questi agi , favori si preferisce , per opportunismo estenderla ad altri … personaggi di spicco , in vista , importanti , di questa società , di questa città ….. ma facciano attenzione a non disprezzare la Scrittura che per questi casi invita a scuotere le mani per non ricevere regali , mentre si è portati ad aprirle per ricevere più che si può senza guardare chi non ne riceve e che ne avrebbe , non bisogno , ma diritto . Tra questi c’è chi poi , ha un sistema assicurativo studiato dalla “ Faci “ per il suo specifico stato , ma preferisce quello dei preti , più completo , più conveniente …. e poi questi predicano e ci dicono pure di fare …. ma loro … non fanno . Così vuole il faraone …. che si paghi , si mantengano i ricchi a discapito dei poveri …. vero e puro cristianesimo vissuto …. più che Cristo …. ci vorrebbe l’arco di Robin Hood !